Aglianico del Vulture

L'Aglianico, uno splendido vitigno pregiato ed unico, ha un età media di 40 anni e si trova fra i 400-600mt sul livello del mare piantato su un terreno vulcanico-sabbioso-marmoso con ghiaia. E’ situato nella regione Basilicata (Sud Italia) e gode di una zona ventilata, con diverse escursioni termiche e da disciplinare non prevede l'irrigazione della vite nemmeno in caso di emergenza. Essendo un vigneto tardivo la vendemmia avviene dopo il 20 di ottobre fino a novembre inoltrato. I vigneti producono circa 50-60 quintali di uva per ettaro con una resa media del 60%. Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo è del 12%.

 

Barbera

Il vigneto Barbera è situato nelle zone di Asti e Alessandria (regione Piemonte / Nord Italia) su terreni argillosi, limosi, sabbiosi e calcarei. L'età media è di 15 anni con una produzione di 90 quintali di uva per ettaro e una resa massima del 70% o non più di 6300 litri per ettaro. L'altezza sul livello del mare massima è di 600mt e il titolo alcolometrico volumico naturale minimo è del 12,50%.

 

Cabernet

Il nostro Cabernet, ottenuto dalle varietà di Cabernet Sauvignon (80%) e Cabernet Franc (20%), viene prodotto nella regione Veneto (Italia Nord Est) ha un valore massimo di 140 quintali di uva per ettaro con una resa dell'80%. Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo è del 9,50% e l'età media dei vigneti è di 9 anni.

 

Croatina

La varietà Croatina è una delle più giovani con un'età media di 8 anni si trova nelle zone di Pavia (regione Lombardia / Nord Italia) prevalentemente su terreni calcareo argillosi ed ha una produzione di circa 105 quintali di uva per ettaro con una resa del 70%. Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo è del 10,5% o del 7% svolto.

 

Dolcetto

Il Dolcetto, situato anch'esso nelle zone di Asti e Alessandria (regione Piemonte / Nord Italia), riprende le caratteristiche del Barbera, infatti, produce 90 quintali di uva per ettaro con una resa massima del 70%. Differisce l'età del vigneto che ammonta a 11 anni, il terreno calcareo con matrice alcalina e il titolo alcolometrico volumico naturale minimo che è del 10,50%.

 

Lambrusco

I vitigni del genere Lambrusco sono prevalentemente provenienti da specie autoctone della Pianura Padana (la famosa Vitis Labrusca già conosciuta ai tempi di Virgilio), comprendono molte varietà tutte con le stesse caratteristiche, piante resistenti ed altamente produttive, acini dalla buccia spessa e di colore blu-nero. Differiscono prevalentemente dalla sottovarietà, dalla zona e dal periodo di vendemmia per la produzione di un determinato tipo di Lambrusco ( In Italia esistono diversi DOC e IGT per produrre specifici vini frizzanti o spumanti, sia rossi che rosati). La zona di produzione tipica è l’Emilia Romagna e la bassa Lombardia, zona caratterizzata da terreni fertili e da rese di produzione elevate. Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo è del 10,50% e l'età media dei vigneti è di circa 15 anni.

 

Moscato Bianco

Il Moscato bianco, uno dei vigneti più apprezzati dal quale ricaviamo il famoso moscato spumante dolce, è dislocato geograficamente in differenti zone d’Italia, su terreni tipicamente calcareo/sabbioso, di cui una buona porzione in Lombardia e Piemonte. La produzione di uva per ettaro media è di 100/120 quintali di cui la resa per la produzione del Doc non può superare il 70%, mentre non vi sono limiti per lo spumante non denominato. L'età media dei vigneti è di 13 anni e il titolo alcolometrico volumico naturale minimo è del 5%.

 

Nero D’Avola Terre Siciliane

Il Vigneto Nero d'Avola è situato al Sud Italia nella stupenda isola di Sicilia, garantendo una resa media di 125 quintali di uva per ettaro con una resa massima del 70% in termini di ettolitri. I vitigni hanno un'età media di circa 12 anni e sono situati su un terreno calcareo argilloso ad un'altezza di 30/50mt sul livello del mare. Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo è del 13%.

 

Primitivo del Salento

I vigneti del Primitivo sono situati nella regione Puglia (Sud Italia), hanno un'età media di 10 anni e sono situati su terreni calcareo argillosi all'altezza di circa 70mt sul livello del mare. La produzione di uva è di 130 quintali per ettaro circa con una resa massima del 50%. Il titolo alcolometrico volumico naturale minimo è del 12%.


 

 

 

Glossario  terminologia di base sul vino

 

  • a naso - termine degustativo usato nell'analisi sensoriale degli aromi e bouquet di un vino

  • acidità - la vivacità e la freschezza del vino che attiva le nostre ghiandole salivari

  • acido citrico - uno dei tre acidi predominanti nel vino

  • acido malico - uno dei tre acidi predominanti nelle uve, l'acido malico al gusto è aspro e si trova in natura in un certo numero di frutti, tra cui, mele, ciliegie, prugne e pomodori

  • acido tartarico - l'acido principale dell'uva, l'acido tartarico promuove il sapore e l'invecchiamento del vino

  • aerazione - l'aggiunta intenzionale di ossigeno per completare e ammorbidire un vino

  • affinamento - l'aggiunta di albume d'uovo o gelatina (tra le altre cose) per cancellare dal vino le particelle indesiderate

  • alcool - etanolo (alcool etilico), il prodotto della fermentazione degli zuccheri a mezzo di lieviti

  • amabile - identifica un vino di facile beva e gusto

  • amaro - una sensazione di gusto che viene rilevato sul retro della lingua ed è causata dai tannini

  • anosmia - la perdita di odore

  • aperto - termine degustativo che indica un vino pronto da bere

  • appelation - (termine francese) usato in particolare in Francia per indicare una determinata regione che produce vino

  • aroma - l'odore del vino, soprattutto nel vino giovane (diverso da "bouquet")

  • astringente - termine usato nella degustazione, denota le sensazioni aspre e amare di essiccazione in bocca causate da elevati livelli di tannino

  • barrique - (termine francese) una botte di rovere (oak) da 225 litri utilizzato in origine per la conservazione e l'invecchiamento dei vini, originario del Bordeaux

  • blend - (termine inglese) indica un vino prodotto da più di una varietà d'uva

  • Bordeaux - la zona nel sud-ovest della Francia considerata una delle più grandi regioni produttrici di vino in tutto il mondo

  • Botrytis - una muffa benefica che distrugge la buccia delle uve e provoca disidratazione, con conseguente innalzamento naturale del contenuto di zuccheri nel succo d'uva estratto. Botrytis è in gran parte responsabile dei migliori vini da dessert al mondo. (Vedi "muffa nobile")

  • botte - il contenitore di rovere utilizzato per la fermentazione e l'invecchiamento del vino

  • bouquet - un termine (francese) che si riferisce agli aromi complessi nei vini invecchiati

  • Brettanomyces - un lievito (famiglia Saccaromiceti) che spesso rovina il vino producendo aromi di chiuso, stalla, metallici o simili al sapore di tappo. Il nome deriva dal greco e significa “ Fungo Britannico”

  • brillante - un termine degustativo per i vini che appaiono chiaramente frizzanti

  • brut - termine francese che indica champagne o vini spumanti secchi

  • bung - (termine inglese) il tappo utilizzato per sigillare una botte di vino

  • caldo - una termine usato per il vino che è ad alto contenuto di alcool

  • chiuso - termine che descrive vini sottosviluppati o giovani i cui sapori non si esprimono bene

  • claret - termine usato in Inghilterra per riferirsi ai vini rossi di Bordeaux

  • codice a barre - i prodotti europei usano nel 95% dei casi un codice a barre EAN univoco per consentire l'dentificazione, per il vino in bottiglia il concetto è lo stesso. I primi 3 numeri identificano il paese: 800-839 per l'Italia, la Spagna 840-849, 300-379 per la Francia, gli altri il produttore e la codifica dell'articolo

  • complesso - l'insieme di odori, sfumature, e sapori che un vino può esprimere

  • composti fenolici - composti naturali presenti nelle bucce e semi

  • corpo - una sensazione tattile che descrive il peso e la pienezza del vino in bocca. Un vino può essere leggero, medio, o corposo

  • corposo - un vino ricco di alcool e sapori, spesso descritto come "grande"

  • Cru Classé - (termine francese) indica un vigneto di alto livello designato nel Bordeaux secondo la Classificazione del 1855

  • crush - termine inglese per indicare il raccolto di uve

  • Cuvée - (termine francese) in Champagne, indica un lotto misto di vino

  • demi-sec - termine francese che significa "mezzo-secco" usato per descrivere un vino spumante dolce

  • dolce - vini con contenuto di zucchero percettibili al naso e in bocca

  • dry - (secco) una sensazione di gusto spesso attribuita ai tannini. Provoca sensazione di rigetto nella bocca; il contrario di dolce

  • enologia - la scienza del vino e della vinificazione

  • equilibrio - termine usato per indicare quando gli elementi del vino - acidi, zuccheri, tannini, e alcool - si fondono in modo armonioso

  • erbaceo - un termine che denota alla degustazione la presenza di odori e sapori di erbe fresche (ad esempio, basilico, origano, rosmarino, ecc)

  • fecce - sedimenti costituiti da cellule di lievito morte, polpa d'uva, semi, ed altre sostanze dell'uva che si accumulano durante la fermentazione

  • fermentazione - la conversione di zuccheri dell'uva in alcool da parte dei lieviti

  • fermentazione malolattica - una fermentazione secondaria in cui l'asprezza dell'acido malico nel vino è cambiato in una liscia sensazione di lattico. I vini descritti come "burrosi" o "cremosi" sono passati attraverso tale fermentazione

  • fillossera - un microscopico insetto che uccide le viti della specie Vitis Vinifera attaccando le loro radici

  • finitura - l'impressione di consistenze e sapori persistente in bocca dopo la deglutizione del vino

  • foro da tappo - l'apertura in una botte da cui il vino può essere immesso o tolto

  • foxy - un termine inglese che descrive l'odore di muffa e il sapore dei vini a base di Vitis Labrusca, nella varietà comune inNord America

  • frizzante - un vino contenente significativi livelli di anidride carbonica che lo rende frizzante. L'anidride carbonica può risultare da fermentazione naturale (aggiunta di lievito), sia in una bottiglia, come con il metodo classico  (champenoise), in un grande serbatoio progettato per sopportare le pressioni in gioco (charmat), o come risultato di iniezione di anidride carbonica. I vini frizzanti hanno solitamente delle terminologie riservate spesso anche legate alla zona di appartenenza, il più famoso è lo Champagne termine riservato ai vini frizzanti prodotti con il metodo classico nella omonima regione francese, altre denominazioni per i vini frizzanti sono " Cremant" e "Mousseux" in Francia, in Italia "Spumante", in Spagna e Portogallo "Cava" e "Espumantes", in Germania "Sekt", in paesi anglosassoni "Sparkling". Vini frizzanti vengono prodotti in quasi tutte le regioni vinicole al mondo

  • fruttato - termine degustativo per i vini che presentano odori e sapori di frutta fresca

  • giovane - un vino immaturo che di solito è imbottigliato e venduto entro un anno dal suo imbottigliamento. I vini destinati ad essere bevuti "giovani" sono noti per i loro sapori freschi e fragranti

  • grezzo - la sensazione tattile "grossolana" che si prova con vini molto astringenti

  • invecchiamento – il tenere il vino in botti, serbatoi, e bottiglie per avanzare la maturazione ad uno stato più desiderabile

  • leesy - termine degustativo (parola inglese) per indicare i ricchi aromi e odori che si sprigionano dopo che il vino riposa sui propri lieviti

  • lievito - un microrganismo endemico ai vigneti e prodotto commercialmente che converte gli zuccheri dell'uva in alcool

  • lunghezza - la quantità di tempo che i sapori persistono in bocca dopo la deglutizione del vino; una sensazione persistente

  • maturo - pronto da bere

  • mosto - succo d'uva non fermentato compresi i semi, bucce e gambi

  • muffa nobile - termine comune per indicare la muffa Botrytis

  • negociant - parola francese che descrive un commerciante all'ingrosso, mescitore, o spedizioniere di vino

  • ossidazione - trasformazione chimica che avviene al vino esposto all'aria per un certo tempo

  • peso - termine simile a "corpo", indica la sensazione quando un vino si sente consistente o ricco al palato

  • piccante - un termine usato in degustazione per indicare odori e sapori in alcuni vini che ricordano pepe nero, alloro, curry in polvere, spezie, origano, rosmarino, timo, zafferano o paprika

  • plonk - termine dialettale inglese che indica il vino poco costoso; utilizzato anche per descrivere vini di qualità molto bassa

  • respirazione - azione che espone il vino all'ossigeno per migliorare i suoi sapori (vedere "aerazione")

  • rovere / legnoso - un termine degustativo che denota gli odori e sapori di vaniglia, miele, spezie, noce di cocco, moka o aneto causati dall'invecchiamento in botte

  • sapore di tappo - aromi e sapori indesiderati nel vino, spesso percepiti come cartone bagnato o sughero ammuffito

  • sapori - gli odori percepiti nella bocca

  • sec - parola francese per secco (dry)

  • senso all'assaggio - come un vino si presenta al palato; esso può essere approssimativamente morbido, vellutato, o ruvido

  • struttura - un termine degustativo ambiguo che implica l'armonia di frutta, alcool, acidità, e tannini

  • tannini - I composti fenolici nei vini che lasciano una sensazione amara, asciutta, e di rigetto alla bocca

  • tappato - un termine che denota un vino che ha subito un sapore di tappo (non identifica un vino in cui galleggiano le particelle di sughero)

  • tappo (stopper) - la chiusura utilizzata sulle bottiglie, può essere fatta in sughero, materiale sintetico, plastica o metallo. i vini di qualità utilizzano solitamente tappi di sughero, anche se i tappi sintetici di alta qualità stanno diventando sempre più popolari in quanto evitano di trasferire al vino il cosiddetto "gusto di tappo"

  • tappo sughero - il nome comune del tappo (solitamente realizzato in sughero) utilizzato per la chiusura delle bottiglie

  • terroir - termine francese per indicare le caratteristiche geografiche uniche di una determinata vigna

  • terroso - un odore o il sapore che ricorda terreno umido

  • texture - (trama, tessuto) un termine inglese usato nella degustazione dei vini che descrive come si sente al palato

  • tipicità - termine degustativo che descrive quanto bene un vino esprime le caratteristiche intrinseche alla varietà di uva

  • ullage - (termine inglese) indica il vuoto lasciato in bottiglie e botti quando il vino evapora

  • vegetale - termine usato in degustazione del vino che descrive le caratteristiche di verdure fresche o cotte rilevate al naso e nei sapori. Peperoni, erba, e asparagi sono descrittori "vegetali" comunemente usati

  • vinificazione - il processo di fare il vino

  • vino - il succo di uva fermentato

  • vintage - (termine francese) l'anno in cui il vino viene imbottigliato. Indica anche la resa di vino da un vigneto durante una singola stagione

  • Vitis Vinifera - (termine proveniente dal latino) la specie di vite che comprende il 99% delle varietà di vitigni da vino al mondo

  • yield - (termine inglese) indica la produttività (la resa) di un vigneto

  • zuccheraggio - l'aggiunta di zucchero al vino prima o durante la fermentazione per aumentare i livelli di alcol. Lo zuccheraggio è una pratica illegale in alcune parti del mondo, e sottoposto a rigido disciplinare in altre.